Focaccia Barese ricetta e come farla:

Per una colazione salata, per la merenda, per il pranzo, con il caffè, con il tè, con uno spritz e in qualsiasi momento della giornata, la focaccia pugliese è un cibo da gustare e assaporare per immergersi totalmente nella tradizione culinaria della nostra amata Puglia.
Prima di svelarvi tutti i segreti per preparare una fantastica focaccia però ricordate: l’ingrediente fondamentale è uno solo, l’amore per la nostra Terra.

Focaccia Barese la storia:

Di origini plausibilmente fenicie, la focaccia pugliese doc, pare sia nata ad Altamura o Laterza, come una variante del tradizionale pane di grano duro. Si dice infatti che per portare a temperatura adatta il forno che avrebbe dovuto cuocere il pane, un pezzo di pasta precedentemente lasciato a lievitare, veniva messo in forno a cuocere. Successivamente la città che ha acquisito a pieno titolo i natali di tale ricetta è Bari.

Focaccia Barese la più buona d’Italia

A Bologna, i giudici di Fico Eatalyworld, hanno decretato che la la focaccia più buona d’Italia è proprio quella barese, nello specifico quella del panificatore Tony Fiore, dell’omonimo panificio. L’altra contendente al titolo era la focaccia genovese, ma le 100 persone chiamate a giudicare quale dei due prodotti fosse il migliore, hanno preferito il prodotto tipico pugliese alla tradizione ligure. Tony Fiore ha così commentato la sua vittoria schiacciante: «Mi sono sentito molto lusingato nell’essere stato designato a partecipare a questa competizione in una sede tanto prestigiosa. Devo dire che anche la focaccia ligure era molto gustosa, ma senza essere tacciato di presunzione devo dire anche che la Puglia non teme confronti, soprattutto quando si parla di gastronomia e alimentazione in generale».

Focaccia Barese ricetta:

Svelate le origini della focaccia è arrivato il momento di scoprire quali sono gli ingredienti per prepararla al meglio:

  • 300 gr farina 0
  • 200 gr farina di semola rimacinata
  • 400 ml di acqua tiepida
  • 1 patata lessa
  • 35 gr lievito madre essiccato
  • 15 gr di sale fino
  • 6 gr di zucchero
  • 200 gr olive baresane intere
  • 500 gr di pomodori ciliegini grandi
  • Olio extravergine di Oliva
  • Origano essiccato

la focaccia (c) La Cucina italiana

Focaccia barese come farla:

Il procedimento per preparare la tradizionale focaccia barese consta di diverse fasi.
Per prima cosa il lievito madre essiccato deve essere sciolto con circa 40 gr di acqua tiepida e con i 6 gr di zucchero. Una volta sciolto, si aggiunge al lievito un cucchiaio di farina e il composto di lievito e farina si lascia riposare coperto da pellicola per circa 10 minuti.

Dopo questa prima fase occorre setacciare le due farine, aggiungere la patata lessa all’impasto, aggiungere 50 cl di olio e tenere da canto il sale. Una volta fatto ciò si può incorporare il lievito ed iniziare a lavorarlo evitando che entri subito in contatto con il sale. Man mano che la pasta viene lavorata si aggiunge l’acqua restante e si continua a lavorare l’impasto fino a che non risulta liscio, omogeneo e molle.

Una volta che l’impasto ha raggiunto la giusta consistenza, può essere coperto con la pellicola e lasciato in un luogo caldo.

Dopo circa un’ora di lievitazione si può procedere a condire e infornare la focaccia.  Per prima cosa il forno deve raggiungere i 270° C. Nel frattempo si versa il composto in una teglia oliata facendo attenzione a non stendere la pasta. Fatto ciò la si lascia coperta nella teglia per circa 15 minuti.

Trascorso il tempo necessario l’impasto può essere steso con le mani oleate affondando bene i polpastrelli dal centro verso l’esterno.
Una volta distesa in modo omogeneo, la focaccia può essere condita con i pomodori ciliegino che vanno disposti con la buccia verso l’alto, con le olive, l’origano ed un filo di sale e olio.

Inizialmente è meglio infornare la teglia nella parte più bassa del forno e dopo circa 10-15 minuti si può invece spostare la focaccia nella parte centrale del forno per altri 10 minuti.

Una volta sfornata si lascia intiepidire prima di essere gustata.

E adesso che dire, BUON APPETITO!

Ti può interessare anche:

Panzerotti pugliesi: ricetta e come mangiarli

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.