Manuela Vitulli: travel blogger, instagrammer e donna del Sud

Di ogni angolo del mondo pare fare la sua casa ideale, eppure quella vera, quella giù in Puglia, non la cambierebbe con nulla al mondo. Ecco cosa ci ha raccontato, durante la nostra intervista, l’instagrammer e travel blogger Manuela Vitulli.

Raccontaci di te, di chi sei e di quello fai. Delle tue passioni diventate un lavoro.
Sono Manuela Vitulli, travel blogger e digital content creator a tempo pieno. Ho creato un blog alla fine del 2012, per parlare del miei viaggi e per dare sfogo a un’urgenza di scrivere. E da allora la mia vita è cambiata radicalmente. Viaggio tanto, scrivo tanto e mi occupo della comunicazione di alcune realtà nel settore turistico.

Che meraviglia! Anche se questa realtà appare ancora un po’ lontana e sconosciuta dalla maggior parte. Quindi diciamolo, prima di tutto sei una Donna pugliese con la “D” maiuscola. Inoltre sappiamo quanto questa terra oggi riscuota successo in materia di “travel” e“instagrammers”, cosa ci dici a proposito? Cos’è per te la tua Puglia?
Per me la Puglia è innanzitutto Casa. È il mio posto nel mondo. È una tavolozza di colori da cui trarre sempre qualcosa di nuovo. Inizialmente quando mi dicevano “ma come fai ad essere così seguita su Instagram?” io rispondevo “lo devo alla Puglia!”. Ed effettivamente la Puglia, con i suoi splendidi paesaggi e il suo carattere così poliedrico, mi ha aiutato tanto. Tutti amano la Puglia (soprattutto su Instagram). 

 

Come sei arrivata ad essere quello che sei oggi? Come è iniziata questa tua avventura, ormai divenuta una vera professione?
Questa avventura è iniziata per gioco. Il blog per me era un diletto, una valvola di sfogo post laurea.
Mettendoci il cuore e tanta passione, sono arrivati i primi inviti ai tour e le prime proposte di collaborazione. Ricordo ancora quanto fossi impacciata ed emozionata a quei primi eventi! Da allora la strada è stata più o meno sempre in salita. Ma non sarei qui senza una buona dose di pazienza e costanza. Non ho mai mollato e non mi sono mai allontanata da questo mondo, sempre attenta ad assimilarne le dinamiche. Quattro anni fa, poi, ho capito che quello che per me era iniziato solo come un gioco, poteva realmente trasformarsi in una professione. E mi sono buttata. Dopo qualche mese ho iniziato a lavorare come freelance dando anima e cuore a questo folle ma bellissimo lavoro.

Spiegaci meglio, chi è una travel blogger? E di cosa si occupa?
Una travel blogger è una grande appassionata di luoghi e volti nuovi, esperienze, colori, sapori e profumi sparsi nell’aria. Una persona che ama viaggiare (e lo fa anche a sue spese, non solo perché sponsorizzata). È una persona che è capace di dare dei consigli di viaggio, una persona capace di ispirare e incidere sulla scelta di una destinazione per le vacanze o per un on the road.

Ogni travel blogger ha una sua nicchia e delle sue specifiche competenze. Insomma, dei cavalli di battaglia!
Premesso che amo scoprire ogni parte del globo, io prediligo i viaggi “al caldo” e ho un
debole per l’Asia e i Caraibi. Poi, ovviamente, mi occupo tantissimo di Puglia, questa mia amata terra. Nello specifico, collaboro con compagnie aeree, enti del turismo e brand che amano il mio stile e il mio modo di comunicare.

Come si svolge la giornata tipo di una travel blogger? Ma soprattutto come sono i suoi viaggi?
Dipende. Se sono a casa trascorro gran parte della mia giornata al computer rispondendo alle mail, scrivendo testi e editando foto. Se sono in viaggio spendo gran parte del tempo visitando i vari luoghi, prendendo appunti e scattando foto.

Come viene vista una instagrammer al Sud, ma soprattutto nel tuo paese?
Io vivo a Bari e, onestamente, sono felicissima così. Bari non offrirà tutte le opportunità del nord (in particolare di Milano) ma mi consente di vivere in tranquillità, sempre rimanendo collegata virtualmente con le agenzie di comunicazione. Mi sono creata una mia realtà in Puglia: partecipo a importanti progetti per la promozione del territorio e curo parte della comunicazione di realtà aziendali pugliesi prestigiose. In Puglia mi sento apprezzata per quello che valgo, non mi sento un numero nel marasma di Influencer. E sono sicura che a Milano, invece, mi sarei sentita così.

Credi nei social come moderni e potenti mezzi di comunicazione? O ancor più, li vedi come una vera e propria fonte di business?
Entrambe le cose, ma soprattutto come dei potentissimi mezzi di comunicazione. Grazie ai social sono entrata in contatto con persone meravigliose e sono riuscita a lanciare dei messaggi (anche di sensibilizzazione) che diversamente non avrei potuto comunicare.

Avresti mai pensato di arrivare fin dove sei oggi?
Non pensavo assolutamente di arrivare a questo punto. Ho iniziato tutto senza pretese e credo che proprio questo nel tempo mi abbia premiato: il mio essere incosciente. Incosciente e con una grande passione, oltre che con la consapevolezza di far qualcosa che mi rendesse felice. Senza mai smettere di farla al meglio!

Pensi che tutto ciò abbia seriamente un futuro o che sia una semplice moda temporanea?
Bella domanda. Onestamente non lo so. Cerco di godermi quello che la vita mi sta regalando adesso. Sicuramente ci sarà un’evoluzione e sicuramente ancora una volta dovrò reinventarmi, come ho fatto inconsciamente dopo la laurea cimentandomi in questa esperienza.

Cosa vedi nel tuo futuro? Puoi raccontarci qualcosa dei tuoi prossimi progetti?
Nel futuro vedo una commistione di online e offline. Oltre ai vari viaggi in programma, a breve parteciperò a una importante fiera internazionale a Denver, in Colorado.
Per il resto, continuerò a lavorare a diversi progetti in Puglia e prenderò parte a un interessante progetto video on the road. Inoltre quest’anno sono in ballo diversi appuntamenti in cui condividerò pubblicamente la mia esperienza di blogger e content creator. Sono felice di questo, amo lavorare anche offline. Sono felice di tutto ciò!!

Ti possono interessare anche:

Vacanza in Puglia: cosa vedere e dove andare

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.