“Sogno di una notte di mezz’estate”, non come la celebre commedia di William Shakespeare ma come quando ci sono i Mustacchi Bros a cantare e suonare sotto infiniti cieli di luna piena.

C’è la Puglia nel loro sangue e sullo sfondo, c’è la giovinezza e la voglia di fare di chi, in questa terra e nel proprio lavoro, ci crede con forza, amore e passione. Così tanto da rallegrare le sue più piccole viuzze ma poi andare anche fuori, lontano, per portare la propria arte e le proprie radici. La Puglia nel mondo.

C’è lo swing di sottofondo, qualche baffo arricciato e un’elegante camicia bianca. Ci sono i Mustacchi e questo basta a far ballare la Città, a metter di buon umore, a regalare sorrisi, schiocchi di dita e movimenti a tempo. C’è festa nell’aria.
È da Locorotondo, l’incantato borgo nel cuore della Valle d’Itria, che partono le prime note. Qui dove i fratelli Mario e Francesco Caramia, musicisti figli d’arte, hanno l’idea di dar vita a qualcosa di bello e.. orecchiabile.

© Mustacchi Bros
© Mustacchi Bros

Il loro sogno di creare una piccola marching band diviene ben presto una grande, acclamata e condivisa realtà. La band è in grado di suonare standard jazz, pezzi di swing e Dixieland, senza trascurare gli intramontabili classici della musica italiana, rivisitati e adattati a un combo che prevede ottoni, banjo e percussioni. Il risultato è un divertente mix di generi, in cui la voce “filtrata” dal megafono e gli interventi corali di tutti i musicisti rendono le note un vero e proprio show. Giovani e divertenti, frizzanti e adrenalinici i fratelli Caramia e la loro band continuano a far spettacolo e girare il mondo. Dalla Puglia fin su al Nord, al Martini Dolce & Gabbana, raggiungendo persino l’ambasciata italiana in Kenia e poi l’Asia.

Il risultato è uno spettacolo venato di ironia e humor, da godersi al massimo. Nota dopo nota. Passando dalla colonna sonora del “Padrino” a un brano di Buscaglione, da uno standard come “Hello Dolly” a un classico di Carosone, e magari soddisfare anche una imprevista richiesta da parte del pubblico.

Un’altra volta ci sentiamo in dovere di raccontare quest’altra bella storia Made in Puglia, questi talenti che è dalla Valle d’Itria che vengono ed è sempre qui che tornano, dove hanno cominciato a muovere i loro primi passi e dove sempre lo faranno.

Ti va di suonare e cantare? Ti va poi di ballarci su?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.